Gravidanza

“Si potrebbe migliorare l’umanità, ma solo a condizione che si cominci dall’inizio: dalla madre mentre porta in grembo il suo bambino.” (O.M. Aivanhov,1972)

 

All’origine si è due in uno. La vita del bambino inizia come vita di coppia e incomincia molto prima della sua nascita.
E’ noto che gli stati d’animo della madre durante la gravidanza vengono percepiti dal bambino quasi come se fossero propri. Le emozioni materne – paura, rabbia, tristezza – modificando la biochimica dell’ambiente uterino e possono riflettersi sul bambino con conseguenze immediate e/o a lungo termine. Una madre ansiosa e depressa durante i mesi dell’attesa trasmette al feto nell’utero le sue sensazioni. Da questo esempio si può dedurre quanto sia complessa ciascuna relazione che si instaura tra madre e figlio, e come questa relazione abbia radici lontane, conscie e inconscie, profondamente influenzate dall’ambiente in cui madre e bambino si trovano a crescere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.